¿Que ci fate a El Calafate?

11 Gen

20130111-190340.jpg

“Che ci faccio qui?”

Chi più chi meno almeno una volta si è fatto questa insidiosa domanda.
Un lavoro che non piace, un luogo che non appartiene (anche se magari ci sei nato), una situazione sfuggita di mano.

Domanda banale la cui risposta, a volte richiede spiegazioni, a volte balle.
Le prime non vengono spesso capite, le seconde in genere si.

Nella terra del Realismo Fantastico,come esclama Zizza tra una vetrina e l’altra, mi sento a mio agio.

Certo questo aspetto mal si sposa quando hai delle informazioni per delle escursioni che poi si rivelano sballate ma basta tenere a mente che “a tutto c’è rimedio tranne la morte” e riparti sereno.

Vedi ad esempio il culto, con tanto di altarini, per la “Difunta Correa”
La Leggenda vuole che Deolinda Correa, incamminatasi con il figlio di pochi mesi nel deserto di San Juan, morì per sete ma il pargolo, miracolosamente ancora vivo e attaccato al seno, fu ritrovato da un viandante dopo alcuni giorni e ovviamente salvato.
Gli altarini, piccole casupole bianche, si trovano lungo le principali vie di collegamento con tanto di bottiglie d’acqua per placare la “Sua”sete.

In questa Cortina d’Ampezzo patagonica,tra camper di lusso, un Casinò e negozi di giacche intelligenti, qualche idea su cosa fare c’è l’ho.

Il Cerro Torre , se hai fatto qualche collina innevata, l’hai capito che rappresenta il Graal di tutti quelli con i ramponi hai piedi, anche se è meno di 4000 metri.
Con il vento che diventa implacabile, le pareti impossibili, le storie che diventano leggende, gli uomini eroi.

Devo almeno vederlo, e dire poi che l’ho scalato.

Annunci

Una Risposta to “¿Que ci fate a El Calafate?”

  1. paponzi 16/01/2013 a 18:26 #

    Questa me la ero persa, pertanto il mio commento è in differita. Tra l’altro è molto….filosofica e anche un po….spirituale. Metto i puntini per non dare importanza al commento. Il Cerro è indubbiamente la summa delle scalate immaginarie di qualunque alpinista e le descrizioni delle ascensioni non danno l’idea della difficoltà. Il vostro viaggio è veramente completo, penso che abbiate visto l’Argentina nei suoi vari aspetti. Vi siete tolti un grande …sfizio, ad majora!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: