Goceano Mare

31 Mag

Immagine                                                                                                                                                             (Foto Piero Putzu)

Ivano si presenta all’appuntamento sorridente, occhiali da sole iridescenti, giacca sportiva blu a scacchi, borsone di pelle nera.

E’ sabato, non c’è fretta.

Non ci conosciamo neanche ma grazie ad incroci di bracciate, pedalate e il desiderio di un tappeto di Nule diventiamo suoi ospiti in quel di Monte Petrosu e lui nostro premuroso e generoso Cicerone.
Al pari de l’originale ci ammutolisce, sopratutto quando parla in latino, e lascia a bocca aperta quando snocciola i suoi innumerevoli aneddoti.

La maestosità e solitudine dell’isola di Tavolara è sfondo delle nostre riflessioni, la spiaggia privato salotto, il granito rimbalza le risate.

Siamo leggeri e l’aria con noi.

Immagine

Scopriamo che ci corre su questi sassi, come da piccolo con i calamari saltavi sugli scogli, dice che in America è già uno sport ma lui l’ha sempre praticato, senza aspettare sponsor né allenatori.

Lasciare Cala Girgolu è quasi una sofferenza solo in parte alleviata dalla miriade di foto scattate.

Ma non c’è tempo per i rimpianti, la sera prevede un imprevisto e toccante spettacolo teatrale in quel di Olbia ed è parecchio strano tornare alla civiltà dopo tanto isolamento.

Nel giorno del Signore pascoleremo in quel di Cala Brandinchi.

Non l’avevo mai neanche sentita nominare e i miei compagni di viaggio quasi mi schifano per tanta ignoranza. Zitto guido, il capo chino, mi fido.

Questa domenica mattina non poteva essere migliore: il sole fa gli scherzi ed ogni tanto si nasconde, noi fiduciosi lo aspettiamo sdraiati in spiaggia, Ivano lo sfida facendosi il bagno.

Una signora passeggia serena nell’acqua bassa, non sà cosa l’attende.

Lui lo chiama: “infantilismo di ritorno” ed in effetti è certamente più nobile definire così un bel gavettone proveniente da un estraneo. Alla fine si butta anche lei ma in segno di resa.

Immagine

La carrera verso Nule si caratterizza da curve e boschi a noi sconosciuti, e se dopo il pranzo le prime si accusano i secondi si ammirano.

Attraversata Buddusò la SS389 si apre sull’Alta Valle del Tirso e faccio fatica a tenere la carreggiata tanto si distrae il mio sguardo.

Gli inglesi dicono: last but not least, ossia ultima tappa ma non meno importante arriviamo in quel di Nule, dove ci viene mostrato come si tesse il Graal dei Tappeti Sardi.

IMG_0923

Ci spiegano come sia una tradizione che va scomparendo dato che i giovani del paese preferiscano fare le stagioni o altro piuttosto che stare 10 ore seduti al telaio.Ne compriamo un paio e ci si stringe non solo il cuore a pensare che una tradizione del genere possa andare persa.

Rimaniamo per cena e tra una salsiccia affumicata e seadas cotte una ad una ci congediamo stremati da tanta ospitalità ed emozioni.
E forse come ha detto il mio amico di onde Giovanni :“Le persone sono come le strade.”
La gran parte sconosciute, spesso non le azzardi, preferendo le più semplici dove sai a cosa vai incontro.

Ma se hai pazienza, curiosità e ti fidi di quello che non conosci, arrivi.

Annunci

4 Risposte to “Goceano Mare”

  1. MonteScedda 31/05/2013 a 16:20 #

    Leggo con le lacrime agli occhi… è anche questo infantilismo di ritorno…?

    • DeFederiki 31/05/2013 a 19:13 #

      Non lo so, io direi sensibilità per le cose che valgono 😉

  2. Davide 31/05/2013 a 20:45 #

    Una formidabile e seducente rappresentazione plastica di un onirico luogo dell’anima, con il sapiente utilizzo di un narrato ipnotico…

    • DeFederiki 15/06/2013 a 09:54 #

      Ringrazio, e mi scuso per il ritardo, per un commento che coglie quante e più sfumature a me inconsapevoli 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: