Nisyros e Nonsolomoda

3 Ott

20131003-101241.jpg

Alla fine è arrivato, sinceramente pensavo ci mettesse meno tempo.
Otto giorni di permanenza nel Dodecaneso prima che si manifesti il cliché d’antonomasia tra italiani e greci è un buon record.

La responsabilità è di Dimitrios, colui che ci ha noleggiato lo Scooter modello “Liberty” su cui abbiamo scorrazzato per un giorno e mezzo.
Ce l’ha detto tra un Berlusconi e l’altro mentre ci portava da Mandraki, la nostra base e cittadina principale di Nisyros, a Pali, il porticciolo turistico dove aveva il cinquantino.
In realtà ci voleva rifilare un 125 o addirittura una macchina ma anche se non ho fatto il militare a Cuneo riconosco l’amico di tutti e di nessuno.

Anche in questa isoletta ci siamo infatti lanciati nell’esplorazione a due ruote nonostante lo sferzante vento, noto Maltemi. Perciò felpa, zaino al contrario ed asciugamano sulle gambe e siamo pronti per una riedizione di “Nonsolomoda”.

Prima tappa ad Embrorios, arroccato e diroccato villaggio che si affaccia sul crinale dell’isola.
A destra i Turchi, troppo vicini secondo molti, a sinistra la piana concava, gialla e fumosa, ragione della nostra visita.

È infatti qui ben presente ciò che resta di uno dei maggiori vulcani europei.
Un cratere con solfatare a prova di ateo, chiaro segno della presenza di una mansarda in Egeo del Satanasso.
Mentre scendiamo, in stile casual alla Alberto Angela, comprendiamo appieno l’invenzione degli occhiali avvolgenti.
Furiose nuvole di polvere e zolfo ci travolgono ma non ci fermano.
Arriviamo al centro e finalmente scopro da dove arrivano le miccette che tanto ho amato comprare da pischello all’uscita di scuola.

Alzando gli occhi al cielo dalle fumarole Zizza dice:”Ma ghissi ‘so macchi”.
La sua riflessione è rivolta agli abitanti di Nikea, villaggio che si affaccia a strapiombo su questo campo da battaglia per geologi.
Il custode del Vulcano, come se ne avesse bisogno, è una versione più riccia e misantropa di Mel Gibson in MadMax ma ci rivolge la parola.
Racconta di come gli abitanti raccolgano l’acqua piovana in serbatoi sottoterra e grazie alla fervida attività carbonara del suddetto, evitano il boiler.
Inoltre la situazione generale è, come immaginavamo, parecchio grigia: in televisione non hanno neanche più i soldi per produrre telenovelas e mandano con i sottotitoli film parecchio datati.Ci fa capire che ne hanno passato di peggio e se la caveranno anche stavolta, non possiamo che credergli
Dopo una breve sosta al paesello che gioca col fuoco, pieghiamo i ferri verso la magione.

Mentre ci prepariamo per uscire a cena lo zapping si ferma su un film in bianco e nero italiano: facce conosciute e attitudine che non invecchia, fare il colpo della vita con il minimo sforzo.
Invece hanno sbagliato tutto e si devono accontentare di una pentola di pasta e ceci.

Una facia, una raza, un destino?

20131003-101151.jpg

Annunci

4 Risposte to “Nisyros e Nonsolomoda”

  1. Roberto Carboni 03/10/2013 a 09:00 #

    Complimenti a Federico, il suo blog è sempre estremamente piacevole da leggere. Io lo trovo meglio di molti blogger di viaggiatori “professionisti”, incapaci di trasmettere l’ironia e il senso del divertimento, anche se a volte un po’ amari.
    Lo stile migliora, con questo e lo scorso post, a mio modesto parere, che sono un livello sopra i precedenti.
    Bravo Fede! L’unica cosa, se puoi, metti qualche foto in più… A certi posti fai davvero venire voglia di buttare un occhio!

    • DeFederiki 04/10/2013 a 08:28 #

      Grazie Dott. Zulu 🙂 non solo dei complimenti ma anche dei suggerimenti.Vedrò di inserire qualche foto in più senza dare troppa futta 😉

  2. Francesco 03/10/2013 a 10:53 #

    Sei sempre più il mio blogger preferito..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: