Halloweek in Mamoiada

4 Nov

20131104-193701.jpg

L’idea è semplice.
Il luogo pure.
Giusto l’orario zoppica, il nostro cronico ritardo in criminosi frangenti ci donerebbe un abbronzatura a scacchi.

Mamoiada risplende e sembra pronta per l’arrivo degli sbranatori travestiti da turisti.
Dalla Callonia salgono Chiara e Alberto mentre dalla “terra degli impicca babbu” scendono Massimo, Letizia e la giovin Penny.
Dopo neanche tre rampe di scale e due rossi alla Cantina Puggioni iniziamo a pensare convulsamente e ad aprire bocca non solo per respirare.
“Io voglio mangiare Pane Frattau, Coccoi Prena e l’Asino!” sentenzia Chiara.
Lo sapevo, l’occasione di gustare la cucina sarda in formato Tapas è davvero , aiuto non posso resistere, ghiotta.
Massimo ci confida che il suo petto è bello aperto dalla fame, io annuisco serio e cerco sulla mappa il tragitto con più “cortes culinarie” possibili, Penny combatte lo stress ciucciando silenziosa dalla tetta.

Inizia la nostra Walking tutt’altro che Dead e, ignorando ogni artefatto o scultura non edibile, arriviamo al primo stop.

Come dicono i Radicali: chi ben comincia scassa meglio la M.
Frittelle di Asparagi e il “ricercato” Pane Frattau come antipasto rilasciano non solo la tensione muscolare ma anche il necessario buonumore per telefonare all’amico bidonaro e insultarlo come si conviene.

Proseguiamo annusando l’aria e come segugi staniamo dei “Maccarones al sugo di Cinghiale” e una “Pecora Bollita” nascosta ma non troppo.
Nel mentre la lingua assume tonalità rossiccie, sarà mica colpa del Cannonau?

Le gambe, curiose della discesa ma ricche di pregiudizi sulla salita, trasformano i gradini in panche e riescono nella dilatazione del Tempo.

Le chiacchiere si intrecciano come le campane sulla schiena dei mini-mamunthones e, vuoi il calar della sera, qualche brivido acciaioso mi sorprende.
È il momento di recuperare giacca e vigore, e complice una Coca-Cola, mi illudo di essere appena arrivato.
Ma la realtà è che siamo al dolce e la Sevada al miele suona come un gong.

Ci vorrebbe un digestivo.Si ma mica possiamo entrare banalmente in un bar.

“E se provassimo a chiedere a questo signore che vende vino a cinquanta (50) centesimi il bicchiere? Magari ha qualcosa….” mi sussurra Alberto tra la speranza e rassegnazione.

“Vai…” rispondo.
Chi sono io per tarpare i sogni in questi tempi bui?

Mi giro per vedere dove sono gli altri ed ecco che appare Lei.
Si era nascosta, forse per timidezza o troppo candore.
Dal profilo inconfondibile e di una purezza imbarazzante.

Signor Tonio la presenta come si faceva un tempo:”Ecco la mia Bambina”.
Mi avvicino, sorrido con le mani in tasca e zitto penso a quante volte non ho chiesto e quante cose in questo modo ho perso.

La guardo bene questa bottiglia di due litri di Acquavite, e poi arriva il suo odore e tutto il resto.

I balli in mezzo alla strada, le telefonate per recuperare chi si è perso, gli sguardi di chi è arrivato tardi.

Ah si poi troviamo anche l’Asinello, era in un vicolo dove un Deejay mandava musica dal primo piano di una casa e nell’altra finestra c’era pure l’animazione.

Altro che Ibiza o Miami.

20131104-193807.jpg

Annunci

5 Risposte to “Halloweek in Mamoiada”

  1. Francesco 05/11/2013 a 08:56 #

    in un certo modo mi sento di far parte di questo racconto…bravo il Mancio

  2. Sal P. 05/11/2013 a 13:21 #

    E’ come se ci fossi stato… e non per la sindrome di Andrea S., stavolta.
    Chissà, magari il prossimo anno ci andiamo insieme 😉

    • DeFederiki 05/11/2013 a 17:09 #

      Sono lusingato Salva…allora l’anno prossimo non potrai risparmiarti il cecio 😉

Trackbacks/Pingbacks

  1. Halloweek in Mamoiada | TrippyScedda - 05/11/2013

    […] Halloweek in Mamoiada. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: